mercoledì 11 dicembre 2019

Serie D - La Planet Smart City vince lo scontro diretto e aggancia Savigliano!

Planet Smart City BEA CHIERI SSDRL - Open Space ASC SAVIGLIANO 66-53
Parziali: 10-18, 25-25, 49-38.

BEA CHIERI: Poggio 9, Segura, Barbero 3, Scalzo 14, Stiffi 6, Gatti 11, Bianco V, Gile 8, Bianco P., Dieng, Pavone 9, Nicolucci 6. All. Vassalli, Ass. Allisiardi, Acc. Monteleone.

SAVIGLIANO: Sales 4, Masento 8, Eandi, Bertello 9, Didoli 2, Tropini, Bacci 15, Fasson 4, Testera 2, Eula 9. All. Testa, Acc. Origlia.

Arriva anche la sesta sinfonia per la Planet Smart City BEA. Al PalaCascinaCapello infatti i Leopardi superano in uno scontro diretto importante l'Open Space Savigliano, squadra in grande forma in questi primi mesi di stagione e, prima della gara, a +2 in classifica sugli arancioni. Nonostante un inizio sotto tono e una serata al tiro piuttosto storta (emblematico il 50% finale ai tiri liberi), i chieresi sono stati in grado di strappare un successo importante grazie ad una difesa attenta e precisa dal secondo periodo in poi ed un terzo quarto dove l'attacco di casa si è finalmente sbloccato. Fattori che hanno permesso a BEA di vincere e agganciare la quarta piazza in graduatoria.

Alla palla a due coach Vassalli si presenta con Poggio, Gatti, Pavone, Scalzo e capitan Gile, a cui coach Testa risponde con Masento, Bertello, Didoli, Fasson ed Eula.
Pronti via e Scalzo appoggia al ferro, palla a Savigliano e Bertello colpisce da fuori per il 2-3 dopo meno di 30 secondi. Dopo un inizio sprint però la partita si spegne: BEA fatica a trovare ritmo in attacco con una manovra poco corale, mettendo in campo poca intensità patendo in maniera eccessiva l'energia degli ospiti. Due liberi di Scalzo dopo un paio di minuti riportano i chieresi in vantaggio, ma Didoli e Fasson rispondono prontamente. Savigliano domina a rimbalzo non riuscendo a pieno a convertire in punti le tante occasioni lasciate per strada dai Leopardi. 4 di Eula portano gli ospiti sul +7 e costringono la panchina di casa al time-out. Il minuto di sospensione raddrizza in qualche modo il gioco degli Arancioni, che costruiscono buoni tiri ma litigano con i ferri. I cuneesi allora ne approfittano, e con Eula, Bertello e Sales scappano fino al massimo vantaggio sul 18-7. Solo una bomba di "Ale" Scalzo a fil di sirena riporta il vantaggio ospite sotto la doppia cifra a fine primo periodo.
La Planet Smart City esce dal break rinvigorita: Pavone capitalizza bene un rimbalzo offensivo di Scalzo, Nicolucci ruba palla e con il coast-to cost concluso in maniera spettacolare dimezzano lo svantaggio. L'attacco di casa gira meglio, ma è soprattutto una difesa molto più attenta ed aggressiva a spingere il cambio di marcia. Sales dalla media cerca di dare vita ai suoi, ma Nicolucci con un bel and-one fa esplodere il PalaCascinaCapello. La rimonta dei Leopardi però è rallentata da una moltitudine di tiri liberi sbagliati, con BEA che inizia ad andare spesso in lunetta ma sbaglia davvero troppo. I giovani Segura e Dieng danno una grossa mano a rimbalzo, con BEA che accorcia ancora con un 1/2 dalla linea della carità di Poggio e un contropiede di Stiffi. Bacci e Bertello con un mini-break di 5-0 cercano di dare la carica ai viaggianti, che tornano sul +6 con 2' da giocare. Gatti non ci sta, e nonostante qualche errore al tiro per lui insolito, converte in 2 punti un rimbalzo offensivo di pura energia, con Pavone che subisce fallo e con un 2/2 porta Chieri in un amen a -2. Savigliano fatica a contenere i chieresi, che anche con delle percentuali al tiro molto basse, trovano con Poggio in contropiede il tanto agognato pareggio: si va all'intervallo sul 25 pari.
Il secondo tempo si apre con una tripla ben costruita capitalizzata da Poggio, a cui Bacci risponde sul ribaltamento con la stessa moneta. BEA sembra finalmente più fluida e intensa, Scalzo sente il momento e strappa un rimbalzo offensivo ad alta quota e infila la tripla in step-back, Savigliano incassa il colpo e si innervosisce sempre più, come dimostra il tecnico fischiato a Bertello. La Planet Smart City invece non si scompone, e con altre tre triple di Pavone, Gile e Gatti allunga ancora arrivando alla doppia cifra di vantaggio (40-30 con 4' sul tabellone). Coach Testa prova a giocarsi la carta della zona con raddoppi, con i Leopardi che ancora una volta però sono lucidi e non ne risento. Gatti la buca subito con un appoggio, Masento replica dalla media, ma Poggio ancora colpisce la zona ospite dopo un'azione ben costruita. Per due volte BEA fa 1/2 con Poggio e Scalzo, Eula invece e più preciso, Stiffi trova ancora un buco nella zona ospite prima che Bacci da tre e ancora Eula con un libero fissino il 49-38 a 10' dalla fine.
Bacci inizia l'ultimo periodo riprendendo da dove aveva lasciato, colpendo di nuovo dai tre punti. Sull'altro fronte Barbero e Scalzo infilano altre due triple, con Stiffi che buca nuovamente sulla linea di fondo la difesa delle "Pantere",  riportando BEA di nuovo sul + 14. Savigliano fatica a trovare pertugi nella metà campo chierese, dove Barbero ruba palloni a raffica ed esalta il pubblico di casa. Nicolucci e Gile, dilatano ancora le distanze, con gli ospiti che mettono in campo energia (che spesso li porta a commettere falli) ma faticano a trovare la via del canestro.
La Planet Smart City arriva al massimo vantaggio sul +19 con un bel taglio di Gatti servito da Pavone con 4' da giocare, lo ritocca con una bellissima virata di Pavone un minuto dopo, ma negli ultimi 2' minuti abbassa un po l'intensità, con gli ospiti che ne approfittano e riducono lo svantaggio fino al 66-53 finale.

Prossimo impegno per la Prima Squadra chierese domenica 15/12 nella trasferta sul sempre ostico campo dell'Atlavir Rivalta. Palla a due alle ore 18.00.

LEOPARDI, PRIDE!