domenica 3 novembre 2019

Serie D - Una grande Planet Smart City sgretola la Beinaschese

ASD BEINASCHESE OTB - Planet Smart City BEA CHIERI SSDRL 43-80
Parziali: 8-17, 22-37, 37-49.

BEINASCHESE: Martina 4, Barbato 2, Carbonaro ne, Argenziano, Santoro 13, Coluccino, Tarsitano, Colmo 8, Uccello 6, Dvornicic 2, Maisano 8. All. Trivero, Ass. Cammarota, Acc. Gallione.

BEA CHIERI: Poggio, Segura 2, Barbero 12, Scalzo 17, Stiffi 2, Gatti 14, Bianco V. 9, Gile 8, Bianco P. 4, Dieng, Pavone 10, Nicolucci 2. All. Vassalli, Ass. Allisiardi, Acc. Monteleone. 

La Planet Smart City BEA, dopo la sconfitta in volata con la capolista Gators, torna subito a vincere nella difficile trasferta di Beinasco. Nonostante le condizioni pre-gara aumentassero ancora il coefficiente di difficoltà della gara (con problemi al quadro elettrico del Palazzetto di Beinasco che hanno spostato in extremis la gara nel vicino Palasport di Pasta di Rivalta posticipando l'inizio di 40 minuti ndr), i Leopardi sono stati bravi ad approcciare al meglio la partita, allungare nel punteggio, incassare la rimonta locale senza disunirsi e quindi dilagare nel finale. Una bella prova di forza contro un avversario esperto e di valore, che rilancia capitan Gile e compagni dopo un inizio di stagione difficile.

Alla palla a due coach Vassalli lancia Poggio in quintetto, insieme ai soliti Gatti, Pavone, Scalzo e Gile. Coach Trivero invece si affida a Martina, Santoro, Colmo, Uccello e Maisano.
Pronti via e Gatti mette subito i Leopardi in vantaggio con una tripla, ma le prime battute sono equilibrate. Beinasco si affida molto ai suoi interni, con Maisano che per due volte colpisce nel pitturato prima che Scalzo dalla lunghissima e Gatti in transizione riportino sopra gli ospiti. Uccello e Maisano colpiscono ancora dal cuore dell'area, ma Pavone buca la difesa di casa per due volte, seguito a ruota da una bellissima transizione capitalizzata da Gatti che costringe coach Trivero al time-out sull'8-14 a 2' dalla fine.  Si riprende e Gile punisce subito la difesa di casa da tre, portando le due squadre alla fine della prima decina sul 17-8 BEA.
La seconda decina si apre ancora con la difesa dei Leopardi protagonista: Beinasco non riesce a fare nulla di facile e così con Scalzo (gioco da tre punti e bomba), Barbero e Nicolucci (che subisce anche una butta botta alla schiena che lo terrà fuori per il resto della partita), la Planet Smart City riesce in un amen a confezionare un 10-0 di parziale che porta in un amen i chieresi sul +19. I padroni di casa si giocano allora la carta della zona pari. Stiffi la buca subito dalla media, ma la manovra arancione si fa meno fluida e fatica a trovare il ritmo dei minuti precedenti. Colmo e Uccello ne approfittano, Chieri fa un paio di giri a vuoto in attacco e coach Vassalli allora è costretto al time out. I Leopardi iniziano a pagare l'intensità difensiva mandando spesso in lunetta i locali, che con Colmo, Santoro e Martina tutti dalla linea delle carità si riavvicinano (20-29). Ci pensano allora Scalzo, Pavone e Gile a riportare la Planet Smart City a distanza di sicurezza, con il canestro a fil di sirena di Santoro che fissa il 22-37 con cui le due squadre vanno negli spogliatoi.
La terza frazione è quella più combattuta. La Beinaschese continua con una zona pari che imbriglia l'attacco ospite che perde l'energia e la fluidità che lo avevano contraddistinto nel primo tempo. I padroni di casa allora prendono fiducia, e guidati dalla fisicità di Santoro si avvicinano pericolosamente. BEA va in affanno e si limita a sparacchiare da fuori con poca precisione e allora due liberi di Martina portano il gap alla distanza minima (33-39). Scalzo ridà fiato ai chieresi, Colmo accorcia ancora in contropiede ma una magia di Gile dal post fa esplodere la panchina ospite e suona la carica. Gatti ascolta l'invito del suo capitano e colpisce da tre, di nuovo Gile con un tiro libero e quindi il neo entrato Segura firmano il +12 del 30' (37-49).
L'ultima frazione è completamente di marca BEA. Beinasco prova ancora a spezzare il ritmo ospite con la zona, ma l'energia di Barbero e due arresti e tiro dalla media di Gatti spezzano definitivamente le resistenze locali. I padroni di casa cercano di rimanere aggrappati alla partita con Maisano ma non basta: Pavone segna in avvicinamento, prima che in un minuto converta quattro palle rubate per lo 0-8 che uccide la partita (39-67). Coach Trivero prova ad arginare l'ondata arancione con il time-out. Dalla panchina chierese si alza Valentin Bianco che infila per tre volte la retina dai tre punti, il fratello "Pato" va in lunetta due volte e fa 4 su 4. Alla sirena finale il tabellone dice 43-80.

Un gap forse severo, ma che premia giustamente la Planet Smart City autrice di una partita energica e ben giocata. Tanti spunti positivi per i chieresi, che superato un inizio stagione con un calendario davvero terrificante, dovranno ora trovare punti e continuità per agguantare le prime della classe.
Prossimo impegno domenica 10/11, quando i Leopardi andranno sul campo del fanalino di coda Don Bosco Rivoli per cercare la seconda vittoria consecutiva. Palla a due alle ore 19.00.

LEOPARDI, PRIDE!