martedì 15 ottobre 2019

Serie D - Al PalaCascinaCapello non si passa: la Planet Smart City vince con Carmagnola!

Planet Smart City BEA CHIERI - A.S.DIL ABC CARMAGNOLA 68-64
Parziali: 16-10, 34-26, 53-45

BEA CHIERI: Poggio 9, Segura, Barbero 2, Scalzo 8, Stiffi 4, Gatti 16, Bianco V., Gile (K) 7, Bianco P., Casetta, Pavone 13, Nicolucci 9. All. Vassalli, Ass. Allisiardi, Prep. Turetta, Acc. Monteleone.

ABC CARMAGNOLA: Gili S., Paschetta, Vergnano 1, Sipala 6, Fuso 18, Milone 19, Masola (K) 8, Porello, Giustetto 6, Gili A. 6. All. Gili P., Ass. Mammola, Acc. Masola.

Un ritorno a casa dal sapore decisamente positivo per la Planet Smart City BEA Chieri. La prima stagionale al PalaCascinaCapello infatti sorride a Capitan Gile e compagni, che nella difficile sfida con l'ABC Carmagnola, una delle squadre più attrezzate della categoria, guidano per praticamente tutta la partita, soffrono nel finale, e alla fine festeggiano due punti meritati. Una partita forse non sempre spettacolare, ma agonistica, combattuta e che ha comunque saputo divertire il folto pubblico accorso al palasport chierese.

Alla palla a due coach Vassalli si presenta con il quintetto composto da Nicolucci, Gatti, Pavone, Scalzo e Gile. Tra le fila ospiti si registra l'assenza dello spauracchio Cantarelli, con coach Gili che allora si affida all'inizio a Fuso, Milone, Sipala, Masola e Giustetto.
Pavone sbocca subito la contesa con una tripla ben costruita, ma la partita stenta a decollare. Entrambe le s
quadre faticano a trovare ritmo e a costruire buoni tiri. Carmagnola si affida a Milone che ripaga con 4 punti in fila, ma dopo 5' il punteggio è ancora sul 7-4 BEA. Gli ospiti trovano il pareggio con una tripla di Masola e un canestro dalla media di Giustetto, ma ci pensa capitan Gile a ricacciarli indietro con uno stupendo svitamento dal post e un canestro dalla media, a cui si aggiunge una tripla di Gatti che porta i Leopardi sul 14-9. I padroni di casa sono bravi a muovere bene la palla e attaccare il ferro, e seppur sbagliando forse qualcosa di troppo al tiro, costringono Giustetto a commettere tre falli nei primi 8', obbligando coach Gili a richiamarlo in panchina. Gli ospiti faticano a trovare punti contro l'ottima difesa chierese, con la prima difesa che si conclude sul 16-10 BEA.
Un Gatti ispirato riapre le ostilità con una penetrazione a centro area, ma continuano a essere le difese a prevalere sugli attacchi. Sipala e un libero di Gili sembrano riavvicinare Carmagnola, ma Poggio riesce a mettere in campo la giusta energia per metterne 5 in fila e portare per la prima volta Chieri sul +10. Gli ospiti allora giocano la carta della zona, ma i Leopardi grazie soprattutto ad una grande solidità difensiva tengono il vantaggio. Stiffi, Scalzo e Nicolucci (6 nella seconda metà di frazione) portano la Planet Smart City al 34-26 su cui le due squadre vanno alla pausa lunga.
Il secondo tempo si inaugura con una tripla di Masola dopo soli 4'' a cui risponde subito con la stessa moneta Scalzo sul ribaltamento di fronte. Pavone fissa il nuovo +10 BEA sul 39-29, con il tabellone che rimane inalterato per diversi minuti fino al canestro del solito Milone a metà frazione, seguito da un grande assist di Fuso in transizione per Giustetto per il 4-0 che costringe coach Vassalli al time-out. I Leopardi ne escono rinvigoriti: Gatti con una bellissima penetrazione e Gile con una tripla in transizione rispondono con il 5-0 che lancia Chieri a +11 (44-33). Carmagnola prova ad arginare l'ondata arancione con la sospensione, ma ancora Gatti con un passo e tiro da manuale allunga ancora. La partita si fa più frizzante, il grande ex Fuso e Milone bucano la difesa di casa, ma Pavone tiene alto l'entusiasmo del PalaCasciaCapello con una tripla dall'ala. Ancora Fuso dalla lunga e una canestro nel pitturato di alta difficoltà riporta i suoi a -7, Gatti risponde ma un'altra tripla di Gili riavvicina ancora i blu. Ci pensa Stiffi con un rimbalzo offensivo convertito a fissare il 53-45 con cui si entra nell'ultima frazione.
Anche nell'ultima frazione i ritmi sono alti: Carmagnola fa la voce grossa a rimabalzo in attacco, convertendo per due volte con Fuso e Milone. BEA però non si fa condizionare dalla pressione e trova per due volte il fondo della retina con Pavone e un step back di Barbero (57-49). Il dai e vai tra Gatti e Poggio manda di nuovo la Planet Smart City sul +9, gli ospiti sono poco precisi ai liberi e così una tripla dal palleggio di Scalzo riporta il vantaggio chierese in doppia cifra. Il gap continua a oscillare intorno alla decina, con Carmagnola che fa male ai chieresi con i rimbalzi offensivi e Chieri che risponde con la stessa moneta con Nicolucci. Poggio in contropiede fissa di nuovo il massimo vantaggio BEA con il +12 a 2', Milone risponde con un grande eurostap ma a 1' dalla fine la pratica sembra chiusa con i Leopardi sul +10. Gli ospiti hanno il grande merito di non mollare fino alla sirena, e sfruttando un paio di attacchi confusi dei locali riescono a ridurre il gap fino al 68-64 finale su cui comunque il pubblico chierese può festeggiare.

Una vittoria importante per la Planet Smart City, arrivata contro una delle squadre più accreditate a inizio stagione dagli addetti ai lavori al salto di categoria. Due punti pesanti quindi per i ragazzi di coach Vassalli, che si sbloccano dopo lo scivolone della prima giornata e si preparano al meglio al prossimo difficile impegno. Venerdì sera infatti i Leopardi saranno impegnati sul campo del Sagrantino, a punteggio pieno dopo due giornate e altra formazione con ambizioni di alta classifica. Un'altro bel test per capire a che punto è il lavoro dello staff chierese, un altro scontro tra due squadre con tanto da dire in questa Serie D. Palla a due al PalaCollegno venerdì 18/10 alle 21.15.

LEOPARDI, PRIDE!