martedì 14 maggio 2019

Under 20 - Due supplementari ed una partita incredibile: i Leopardi si fermano in semifinale

BEA CHIERI SSDRL - DUEMILA E20 ARONA 93-94 d2ts
Parziali: 18-15, 37-33, 50-48, 72-72. 85-85.

BEA CHIERI: Dieng: 4, Nicolosi, Zanatta 5, Bianco 21, Segura 10, Taricco 12, Benedicenti 33, Stiffi 6, Fumero, Maistrello, Nocilla, Simon 2. All. Allisiardi, Ass. Morena, Monteleone, Acc. Bianco.

DUEMILA E20: Dalleolle 27, Petrillo, Tinivella, Acconito 15, Bosi, Piscia, Franzosi 6, Pelle 15, De Ferrari 15, Bonelli 2, Rossi R. 10, Rossi S. 4. All. Romerio.

Due ore e dieci di gioco, due supplementari ed una partita incredibile. La semifinale tra BEA e Duemila E20 Arona è stata un vortice di emozioni che alla fine ha visto prevalere i lacustri, bravi ad incassare le sferzate dei Leopardi ed ogni volta rispondere prontamente. Un peccato per i chieresi, arrivati ad Ornavasso non al meglio, con Segura e Stiffi a mezzo servizio e autori di una prestazione di certo non impeccabile, soprattutto nei tempi regolamentari, ma che hanno dimostrato a tutti di avere un gran cuore.
Le prime battute sono di studio, entrambe le squadre sentono la posta in palio e segnano poco. Chieri non riesce a trovare ritmo e intensità, ma si fa subito sopra con le incursioni di Taricco e Simon. Arona sembra più in palla ma litiga con il ferro, l'ingresso in campo di Benedicenti però spezza la partita: la guardia arancione inizia a bombardare da ogni posizione e porta il vantaggio "locale" sulla doppia cifra. I lacustri non si disuniscono e guidati dal lungo De Ferrari rimangono a contatto: all'intervallo è 37-33 BEA.
Dopo un primo tempo in cui l'ago della bilancia tende leggermente dalla parte dei chieresi, la terza frazione è di totale equilibrio. Bianco finalmente si sblocca e colpisce per due volte dalla lunga, sull'altro fronte si accende Dalleolle che con due triple da distanza siderale riavvicina i suoi. Arona prende fiducia, due triple di Pelle suonano la carica, Bianco e Segura provano a rispondere ma i novaresi raggiungono il massimo vantaggio di serata sul +7 a metà frazione. Nel momento più difficile però il cuore dei Leopardi viene fuori: Benedicenti si prende i compagni sulle spalle e ricomincia a segnare a raffica, Zanatta è chirurgico su entrambe le metà campo e Segura in contropiede firma il 72 pari. Gli ultimi secondi sono confusi su ambo i fronti, con il risultato di rimandare il verdetto ai tempi supplementari. 
BEA inizia, finalmente, a difendere sul serio, e trova di conseguenza un buon ritmo in attacco. Benedicenti inaugura i minuti extra con una tripla, Segura e Taricco colpiscono in avvicinamento e il vantaggio è in poco di 7 lunghezze. L'attacco arancione però va fuori giri, Dalleolle segna prima dai liberi e quindi una tripla incredibile che carica i suoi. BEA è imprecisa ai liberi, De Ferrari si fa largo a nel pitturato e trova punti pesanti prima che Acconito trovi il +2 Arona. Con 1.1' da giocare coach Allisiardi chiama time-out e disegna la rimessa che libera Segura a centro area. Il chierese è eroico, nonostante le condizioni fisiche precarie trova un tap-in incredibile a fil di sirena che manda tutto al secondo tempo supplementare. 
La partita diventa una battaglia di nervi, entrambe le squadre sbagliano tanto e segnano poco. Bianco porta Chieri sul +3 con una tripla ben costruita, i novaresi si affidano ancora a De Ferrari che è preciso ai liberi e porta i suoi sopra. Benedicenti risponde in avvicinamento, ma la tripla di Pelle ed un libero ancora di De Ferrari manda Arona sul +4 con pochissimo da giocare. Bianco va dall'altra parte e con 15' da giocare si prende una tripla dagli 8 metri. L'arbitro ravvisa un fallo, la palla ha una parabola altissima che sente solo il cotone: -1 e un tiro libero da tirare. Il gioco da 4 punti non si concretizza, la palla esce e coach Romerio può chiamare time-out. Sulla rimessa nella metà campo offensiva BEA difende forte, Simon anticipa e ruba la palla, corre nella metà campo offensiva ma sullo scarico a Bianco la coppia arbitrale ravvisa un'infrazione di passi. Con pochissimo da giocare Arona riesce a scappare e al suono della sirena finale più festeggiare una vittoria incredibile.
Complimenti ai nostri avversari, ai nostri Leopardi, capaci dopo una partita al di sotto dei propri standard ma comunque in condizioni difficili, a giocare dei grandi supplementari. Oggi si torna in campo, ancora ad Ornavasso, per la finale 3°-4° posto che vedrà i chieresi opposti ad Il Canestro Alessandria, uscita nettamente sconfitta dalla seconda semifinale con il CUS Torino.

LEOPARDI, PRIDE!