sabato 26 gennaio 2019

Serie D - BEA non fa sconti e passa anche a Rivoli!

ASD DON BOSCO RIVOLI - BEA CHIERI SSDRL 40-76
Parziali: 9-15, 16-29, 24-50.

RIVOLI: Zupo 2, Da Col 8, Poli, Rossin 9, Filippone 7, Antonello, Paramoli 2, Bandini, Faloni 8, Merlino 4, Nocca, Morelli. All. Mangione.

BEA CHIERI: Poggio 7, Bianco V. 6, Benedicenti 16, Barbero 2, Taricco, Stiffi 2, Diop 14, Gile 7, Bianco P. 1, Navone 7, Dieng 8, Brito 6. All. Bronzin, Ass. Allisiardi, Acc. Grugnetti. 

Risultato da pronostico per i Leopardi che al PalaDonBosco di Rivoli superano dopo una partita a senso unico il fanalino di coda Don Bosco Rivoli, ancora a secco di vittorie ma ovviamente voglioso di cambiare il senso della propria corsa. 
Un impegno sulla carta semplice ma che sicuramente non andava sottovalutato, complice anche le pesanti assenze di Caratozzolo e Segura e le non perfette condizioni fisiche di Barbero e Poggio, con gli Arancioni che dopo un primo tempo dai giri bassi, specialmente nella metà campo offensiva, hanno saputo spingere maggiormente il piede sull'acceleratore nei secondi 20', dilatando il gap ad ogni giro di lancetta fino al rotondo +36 finale. 

Modou Diop
Venendo alla cronaca della gara, alla palla a due coach Bronzin si affida al quintetto composto da Navone in cabina di regia, Poggio e Benedicenti sugli esterni e Brito e Diop vicino a canestro, a cui coach Mangione risponde con Zupo, Faloni, Rossin, Filippone e Bandini. L'approccio dei chieresi non è dei migliori, con i locali che si guadagnano ben due extra-possessi già al primo giro in attacco senza però riuscire a convertire. Quando la palla sia posta finalmente nella metà campo offensiva però, ci pensa Benedicenti ad inaugurare le retine con la prima delle sue 4 triple, rompendo l'unico pareggio di serata. BEA prende subito in mano le operazioni, ma fatica più del dovuto a imporre il proprio ritmo alla gara. Un attacco un po' statico ed una difesa troppo disattenta, specialmente a rimbalzo, fa sì che Rivoli rimanga a galla. A nulla serve il dominio di Diop sotto le plance (alla sirena finale chiuderà con una doppia-doppia monstre da 14 punti e 20 rimbalzi), alla prima pausa il tabellone dice 9-15.
Anche la seconda frazione prosegue sulla stessa falsa riga della prima, con la manovra dei Leopardi che non riesce a cambiare marcia e troppo spesso si accontenta di sparacchaire da fuori. Diop è bravo a convertire in punti rimbalzi pesanti, ma BEA fatica comunque a prendere sul serio il largo nonostante la sterilità offensiva dei salesiani. Alla pausa lunga è +13 Chieri (16-29 al 20').
Al rientro in campo però finalmente qualcosa cambia. Gli Arancioni iniziano ad alzare il volume, con una difesa aggressiva che porta in dote tanti punti in transizione. Navone e Poggio guidano la manovra chierese, Benedicenti sale in cattedra e punisce a ripetizione dalla lunga, Brito ed il solito Diop fanno la voce grossa in mezzo all'area ed i Leopardi non si guardano più in dietro. L'8-21 di parziale nella decina mette virtualmente la parole fine al match con 10' di anticipo. 
L'ultima frazione infatti ha poco da dire, con gli Arancioni che giocano fluidi e trovano il canestro con tanta continuità. I giovani sono protagonisti, con i fratelli Bianco, Stiffi, Taricco e Dieng (menzione particolare per lui, con 8 punti frutto di un 4/4 al tiro) che portano in campo il proprio contributo ben figurando. Negli ultimi minuti di garbage-time Rivoli rintuzza un po' lo svantaggio con due triple di Da Col, che chiudono la contesa sul 40-76 ospite.

Una vittoria mai in discussione quella degli arancioni, che allunga a tre la striscia di successi dei Leopardi in questo 2019 che li sta vedendo protagonisti di un buon momento di forma. Prossimo impegno domenica 03/02, quando al PalaCascinaCapello di Chieri
arriverà il B.C. Mondovi.

LEOPARDI, PRIDE!