martedì 16 ottobre 2018

Under 16 Silver - BEA inciampa a Ceva alla prima

BEA CHIERI SSDRL – REVIGLIO BORSI CEVA 60-54
Parziali: 12-15; 31-32; 48-40; 60-54

BEA CHIERI: Cardarelli 19, Bozzetti, Lingua, Alò 4, Sirbu 6, Turinetti 12, Madih, Perrotta, Germanetto, Gottero, Munafò 4, Fogliato 9. All. Di Bari Ass. Turetta

REVIGLIO BORSI CEVA: Zoppi 5, Ramonda 5, Arrighini 16, Gusatu 2, Peruzzi 22, Bertolino 6, Cappa, Negro 4, Spedaliere, Ferrero,. All. Calabrese.

Edoardo Cardarelli
Prima partita di campionato U16 Silver per una rinnovata BEA Chieri, che dopo aver lanciato giocatori nei campionati nazionali,  sfida in trasferta il Reviglio Borsi Ceva, squadra molto giovane composta da ben 6 2005, con una formazione ancora inedita.
Coach Di Bari alla palla a due schiera Fogliato, Cardarelli, Munafò, Sirbu e Turinetti, mentre coach Calabrese risponde con Bertolino, Gasatu, Ramonda, Peruzzi e il lungo di 2.03 m Arrighini.
Inizio scoppiettante per i Leopardi che con Turinetti si portano subito in vantaggio ma Ceva risponde con il suo lungo Arrighini che fa valere i propri centimetri con rimbalzi e falli subiti.
Munafò, ottimo primo tempo per lui, riesce a scardinare la difesa avversaria con ottime penetrazioni, coadiuvato da Sirbu ma Ceva non lascia sfuggire la partita, segnando con continuità dalla lunga distanza con percentuali irreali. Alla pausa lunga è 31-32 per chi viaggia.
Al rientro in campo BEA parte male, con moltissime palle perse e troppe disattenzioni, Ceva dal canto suo continua a colpire dalla lunga distanza portandosi in vantaggio. Carderelli riesce a tenere i suoi in partita segnando dalla media ma Arrighini, con la sua presenza fisica continua a dominare nel pitturato e la squadra di Coach Calabrese chiude il terzo quarto in vantaggio di 8 lunghezze. 
BEA prova a ribattere colpo su colpo ai cebani, riportandosi sul meno 4 a 3 minuti dalla fine ma non riesce a trovare le energie per ribaltare il risultato. Finisce 60 a 54 per i padroni di casa.
Una sconfitta che è solo il primo passo di un gruppo inedito che deve ancora imparare a conoscersi, ma che ha ampi margini di miglioramento e buone potenzialità: l'occasione per far meglio sarà tra due settimane, complice il turno di riposo, quando i Leopardi affronteranno i fossanesi dell'Acaja. Forza Leopardi! 

LEOPARDI, PRIDE!