lunedì 19 marzo 2018

Serie D - Una brutta CheTariffa.it cede il passo a Cherasco

CESTISTICA CHERASCO-CheTariffa.it BEA CHIERI 57-46
Parziali: 10-5; 17- 28; 30-43.

CHERASCO: Rolfo 6, Macuta 9, Tropini, Martinengo 12, Coltro, Bertolotti 5, Mariano (K) 4, Navone 13, Massarone 8. All. Scavino. Acc. Schiavazza. 

CheTariffa.it BEA: Gagliasso 9, Barbero 9, Zanatta 3, Benedicenti, Bono (K) 3, Fuso 14, Diop 5, Anselmino, Bianco V., Bianco P., Segura, Gile 3. All. Bronzin, Ass. Allisiardi, Ass. Mussio, Acc. Monteleone.

Un incredibilmente brutto ultimo periodo condanna la CheTariffa.it BEA Chieri ad una sconfitta pesante in quel di Bra contro la Cestistica Cherasco. In una partita sicuramente non bella, i Leopardi dopo un inizio difficile erano riusciti ad arrivare fino al +19, dando l'impressione di poter portare dalla propria parte i due punti fino agli ultimi, fatali, 10 minuti, che hanno completamente sconvolto l'esito del match.

Fabio Gagliasso
Alla palla a due BEA si presenta con Barbero, Benedicenti, Fuso, Diop e Gile a cui coach Scavino risponde con Macuta,  Martinengo, Coltro, Mariano e Navone. L'inizio regala poche emozioni, con le due squadre che faticano parecchio a trovare il fondo della retina. Dopo 4' la sblocca il cheraschese Macuta con 4 in fila, ma ci vogliono ancora un paio di minuti per la prima segnatura ospite con un libero di Diop per il 4-1. Gagliasso bagna il suo esordio nella partita con un tiro dalla lunga, ma gli arancioni faticano a costruire qualcosa contro la chiusa difesa di casa. Al 10' così il tabellone recita 10-5 Cherasco.
Coach Bronzin si gioca la carta della zona e la mossa da i suoi frutti: i locali non segnano più per parecchi minuti, la CheTariffa.it blinda l'area e riesce spesso a colpire in contropiede con le folate dei suoi esterni. L'inerzia si sposta dalla parte degli ospiti, che con un parziale di 7-23 ribaltano completamente la partita e vanno alla pausa lunga sul 17-28. 
L'intervallo non cambia più di tanto le carte in tavola. Alla ripresa delle operazioni infatti BEA continua ad imporre il proprio ritmo alla gara, raggiungendo il massimo vantaggio sul +19 guidata dalla verve di un Fuso incontenibile e da una difesa che non lascia nulla di facile ai bianchi di casa. Proprio nel momento di maggior difficoltà, dopo 7 minuti senza canestri, Navone suona la carica con tre triple pesanti che ridanno fiducia ai suoi.
Al 30' Bono e soci guidano ancora sul 30-43, ma qui accade l'impensabile. La CheTariffa.it va in confusione totale, smette di costruire in attacco e diventa disattenta in difesa. Cherasco vola sulle ali dell'entusiasmo e segna da ogni posizione. Ne i cambi ne i time-out servono a cambiare rotta, il canestro diventa un miraggio e con un appoggio di Rolfo i locali sorpassano sul 44-43, non guardandosi più indietro e arrivando fino a portare il vantaggio in doppia cifra. Una tripla di Barbero con meno di un minuto da giocare è la prima e unica segnatura chierese del quarto, Cherasco è precisa dalla lunetta e chiude la partita sul 57-46.

Una sconfitta pesante per la CheTariffa.it, sia per come è arrivata sia per il peso specifico in chiave play-off, con Cherasco che supera i Leopardi in classifica guadagnando anche il vantaggio negli scontri diretti. Gli arancioni ora vengono risucchiati dal gruppone a quota 20 punti con Mondovì, ACS Savigliano e Omega Asti, con un calendario non semplice per raggiungere il miglior piazzamento possibile in graduatoria.
Tornando alla partita, da segnalare il brutto infortunio occorso a Modou Diop nel corso del secondo quarto, che ha costretto l'intervento della Croce Rossa e probabilmente terrà fuori dal campo il lungo chierese per qualche tempo: buona guarigione Modou!

LEOPARDI, PRIDE!