venerdì 10 marzo 2017

Under 18 Elite - BEA se la gioca ma alla fine cede alla favorita Alba


OLIMPO BASKET ALBA - ASD BEA CHIERI 74 - 59
Parziali: 17-13, 34-28, 51-44.

ALBA: Gomba 11, Pelissa 2, Fassio 4, Filippone, Uovo, Lagorio 5, Tonini Bossi 2, Bertolotto, Orlando 25, Colli 11, Gioda 13, Vdour n.e.. All Jacomuzzi L. Vice Torbol M.
BEA: Nicolosi, Zanatta 5, Ferrera 5, Bianco 14, Segura Acosta 11, Stiffi 11, Castagna 5, Piacentini, Negro, Maistrello 8, Lanfranco, Simon Laurentin. All. Felletti S., Ass. Scartezzini V.

ALBA – Una BEA combattiva cede nel finale ad Alba.
Valentin Bianco
Partenza in salita per il BEA nella fase finale per il titolo Elite. I Leopardi fanno subito visita all’Olimpo Alba, unica squadra del girone F proveniente dalle prime escluse del campionato Eccellenza e sulla carta principale favorita per il primo posto.
I ragazzi di coach Felletti partono un po’ intimoriti e subiscono subito un parziale di 9-2, ma in poco tempo si scrollano di dosso la paura e cominciano a macinare il loro gioco fatto di voglia di aiutarsi e lotta su ogni pallone. Raggiunta la parità a 9 e poi a 13 punti, solo un paio di azioni “di forza” e due errori ai liberi degli ospiti consentono ai locali di chiudere avanti di 4 il primo quarto sul 17-13.
Nella seconda decina continua l’equilibrio e se Alba incrementa ancora il vantaggio di due lunghezze è principalmente dovuto alla maggiore fisicità dei propri “lunghi”. Si rientra in spogliatoio sul 34-28.
La terza frazione sostanzialmente non cambia la situazione del match con i Leopardi che arrivano fino a una lunghezza salvo poi concedere un paio di giocate nel finale: 51 a 44 al trentesimo.
Si entra nell’ultima decina nella situazione che ci si augurava alla vigilia cioè con i nero-arancio ancora in partita per provare a giocarsi il tutto per tutto nei minuti finali. E gli ospiti ci provano eccome riuscendo ad arrivare a metà frazione ad un possesso di distanza sul 58-55. 
Nel finale però viene fuori la maggiore esperienza degli Albesi che premono sull’accelleratore e con un parziale di 16 a 4 chiudono l’incontro in controllo.
Il risultato di 74-59 è sicuramente penalizzante per i Chieresi, frutto di un calo più mentale che fisico nei tre minuti finali senza il quale si sarebbe potuto almeno limitare il gap sotto la doppia cifra. Ciò che ha fatto la differenza a favore dei locali, sono stati la già citata superiore fisicità nel pitturato e una maggiore precisione ai liberi.
Per BEA una prestazione che comunque fa ben sperare per il prosieguo della stagione in attesa di affrontare tra le mura amiche il Tam Tam, che un calendario un po’ beffardo, giocando con anticipi e posticipi, pone esattamente a due settimane di distanza dal match di esordio.


LEOPARDI, PRIDE!