domenica 26 marzo 2017

Under 14 Elite - BEA solo a tratti, Omegna non lascia scampo

FULGOR OMEGNA - ASD BEA CHIERI 58-51
Parziali: 17-14, 30-26, 45-30.

BEA: Sirbu, Cardarelli 3, Amitrano 4, Brusasco, Ferrone 26, Turinetti, Tagliano 1, Perillo 15, Fogliato 2. All. Morena, Ass. Allisiardi.

FULGOR: Barberis, Spina 9, Privitera 20, Garavaglia, Borrelli 2, Maulini 9, Chiodo 1, Tedeschi, Ramenghi 5, Spadone 10. All. Lodetti.

"Raffo" Ferrone in azione
BEA esce sconfitta dalla lunga trasferta in riva al Lago d'Orta nonostante una prestazione positiva. 
L'assenza dell'ultimo secondo di Fabiano accorcia ancora di più le rotazioni di coach Morena, e l'inizio partita stenta a decollare: Omegna si affida molto al tiro da fuori ma con scarse percentuali, Chieri alterna ottime trame ad un attacco confusionario. Il primo quarto si chiude su 17-14 con un canestro a fil di sirena dei padroni di casa a dimostrazione dell'equilibrio visto in campo.
BEA concede troppo in contropiede ed a rimbalzo ai fulgorini, ma resta aggrappata al match grazie alla gioco di squadra. L'intervallo fa bene agli ospiti che escono dagli spogliatoi con un 4-0 che pareggia subito i conti, BEA si porta anche in vantaggio ma quando potrebbe scappare si rilassa. Omegna non si fa pregare e chiude il quarto sul +5.
La tensione blocca la partita e non si segna da ambo le parti per quasi 4 minuti. I locali allungano sfruttando la maggior fisicità, ma quando sul +10 a 3' dalla fine sembrano scorrere i titoli di coda BEA rientra in gara con il cuore arrivando fino al -5 con palla in mano con 1,30' sul cronometro.
Il possesso però non viene concretizzato ed una tripla di Maulini sul ribaltamento di fronte chiude il match e fa sfumare l'idea di impresa ospite.
Sicuramente prestazione positiva per i Leopardi, capaci di giocare ad armi pari contro un avversario di valore, che all'andata vinse a San Silvestro con ampio margine. Per migliorare ed alzare ancora di più l'asticella servirà aumentare la qualità (e la presenza...) in settimana.
Prossimo impegno sabato prossimo al PalaSanSilvestro, avversario di turno Savigliano, che all'andata mise in difficoltà più del dovuto i Leopardi.

LEOPARDI, PRIDE!