lunedì 5 dicembre 2016

Under 14 Elite - Troppi errori, BEA cede nella ripresa ad una energica 5PARI

Simone Triggiani
ASD 5 PARI - ASD BEA CHIERI 60-48
Parziali: 18-8, 32-25, 44-38

BEA: Cardarelli (K) 7, Sirbu 5, Amitrano 2, Fabiano, Brusasco, Ferrone 16, Turinetti, Triggiani 4, Tagliano, Femia, Fogliato 8, Perillo 6. All. Morena, Acc. Allisiardi.

Partita sicuramente emozionante ma ricca di errori e nervosa quella vista nella palestra dell'Istituto Sociale sabato pomeriggio: alla fine a spuntarla è la squadra che sbaglia di meno, ovvero i padroni di casa della 5 Pari.
Fin dalla palla a due i chieresi patiscono l'aggressività e la fisicità della difesa torinese (aiutata anche da un metro arbitrale piuttosto permissivo), che permette ai padroni di casa tanti palloni rubati e facili canestri in contropiede.
Gli arancioni sembrano incapaci di reagire per tutto il primo quarto, fino a quando un paio di buone iniziative offensive di un ispirato Ferrone portano Chieri sul -7 al '20.
Gli arancioni riordinano le idee nell'intervallo: la palla si muove meglio contro l'inedita difesa "zonata" di 5 Pari, si creano buoni tiri ma gli errori sono sempre troppi (alla fine saranno 10 i facili appoggi sbagliati da sotto e 18 i tiri liberi!). La partita si muove sui binari dell'equilibrio, con i padroni di casa che cercano di scappare e Chieri che è brava a non mollare. Gli arancioni raggiungono anche il pareggio ed il vantaggio con una bomba di capitan Cardarelli, sostenuti da un gran tifo e da rotazioni che portano tutti in campo.
Come all'andata però a '3 dalla fine i Leopardi concedono un break di 6-0 ai torinesi che indirizza la partita. Al '40 il tabellone recita un +12 bugiardo per l'equilibrio visto in campo, portata dalla girandola di tiri liberi negli ultimi minuti.
Alla fine Chieri ha tanto da recriminare con se stessa per i tanti errori, ma la vittoria dei padroni di casa, squadra apparsa sicuramente più pronta specialmente dal punto di vista fisico, è sicuramente meritata.
L'occasione per rialzarsi è ghiotta: sabato prossimo verrà a far visita Venaria, fanalino di coda del girone con ancora zero vittorie all'attivo. Per portare a casa i 2 punti e tornare in corsa per il quarto posto sarà importante non sottovalutare l'avversario e limare i tanti errori visti nelle ultime uscite. Parola d'ordine: LAVORARE!

LEOPARDI, PRIDE!