lunedì 28 novembre 2016

Under 18 elite - Ancora una vittoria per BEA !

ASD BEA CHIERI - ASDL PGA TWB 74 - 70
Matteo Berruto

Parziali: 21-13, 38-30, 51-52

BEA: Zanatta 1, Ferrera 4, Bianco 7, Segura Acosta 31, Stiffi 15, Castagna 2, Piacentini 2, Negro 2, Maistrello 2, Nocilla, Scaturro, Berruto 8. All. Felletti S. Vice Scartezzini V.
PGA: Bonadio 15, Molinelli 3, Monasterolo n.e., Bergeretti, Papiro 20, Laterza 13, Lussiana 4, Bucci 2, Da Col, Minadeo 3, Merlino 10. All Nicastro A. Vice Rizzo G.

Al palazzetto San Silvestro ci fa visita la PGA ed è una visita di tutto rispetto perché i nostri avversari si dimostrano squadra compatta che fa girar bene la palla e molto abile a sfruttare le ripartenze in velocità.
A differenza degli ultimi due match i ragazzi di coach Felletti partono concentrati e riescono a chiudere i primi 10' avanti di 8.
Il vantaggio si dilata fino al + 12 nei primi minuti della seconda frazione. La PGA non ci sta e grazie ad un paio di triple e due altre pregevoli azioni ricuce il gap fino al -1. Ma i locali ritornano a macinare gioco e si riportano di nuovo sul +8 e alla sirena di metà gara il tabellone segna 38-30.
La ripresa vede i Leopardi un po’ molli in difesa; gli ospiti ne approfittano fino ad impattare e, a seguito di una fase molto concitata dove la fretta prevale sugli schemi, si portano fino al +3. Ma BEA torna a ragionare con calma, evita di disunirsi e ribatte colpo su colpo.
Il match è molto aperto e nell’ ultima frazione il punteggio viaggia sulle montagne russe. Per i locali è principalmente Segura che si prende grandi responsabilità riuscendo spesso a finalizzare, mentre gli ospiti trovano ancora nei tiri da 3 e nel contropiede i punti necessari a rimanere a contatto. Sul finale i Leopardi sembrano aver trovato l’allungo definitivo portandosi a fino a 7 lunghezze di vantaggio. Ma la fretta e un po’ di ingenuità potrebbero giocare un brutto scherzo ai nostri, che invece di giocare col cronometro provano un tiro troppo veloce; il conseguente contropiede ospite viene però incredibilmente sciupato quando sembrava già concretizzato. Parafrasando da quell’ altro sport un po’ meno prolifico di realizzazioni potremmo dire “canestro sbagliato, canestro subito”; BEA, quindi, impara la lezione e allunga ancora finendo il match in controllo, malgrado l’ultima tripla degli ospiti che riduce a 4 lunghezze il distacco finale. Sulla sirena si chiude il sipario sul 74-70.

Partita entusiasmante e nel complesso un'altra bella prova dei nostri ragazzi che hanno il merito di non mollare mai anche nei momenti più difficili. 

LEOPARDI, PRIDE !