domenica 29 novembre 2015

Serie C - Buona prova, peccato il 1° quarto!

BCC ROSA ASD - A.S.D. BEA Chieri  47-36 
Parziali: 20-11, 31-22, 37-29

BBC ROSA: Leva 10, Crivelli 3, Cartasegna n.e., Valle, Cepollina 13, Cocozza 10, Zerilli, Randisi 6, Fichera n.e., Gavio 4, Moscardini 1, Cazzini n.e.. All. Furia
BEA CHIERI: Canale, Gaj Tripiano 9, Gandini 10, Patrignani 9; Quaranta 2, Sandiano F. , Sandiano G. , Sella, Di Leo 4, Novara. All. La Forgia, Acc. Mancardo

Gara vera e tirata quella in scena a Castelnuovo Scrivia per la C femminile, che paga un avvio zoppicante, dimostrando comunque di poter giocarsela con le 1^e in classifica per i restanti 30'.
Castelnuovo è squadra intensa e di talento, e lo dimostra fin dai primi minuti: corre bene il campo e punisce a ripetizione con il contropiede primario e la transizione. 
BEA impiega troppo ad adattarsi e subisce ben 20 punti nel solo 1° quarto, faticando in attacco a causa di conclusioni troppo affrettate o di iniziative personali inefficaci.
Nei restanti 3 quarti regna l'equilibrio e gli episodi diventano determinanti: palle perse banali, mancate letture di mis-match concessi e la scarsa percentuale ai liberi (8/17, contro il 9/12 delle locali), non permettono alle ospiti di effettuare il sorpasso, pur arrivando fino al -4 nel 3° periodo.
Nonostante la buona difesa messa in campo, Cepollina firma un parziale di 10-0 a cavallo fra il 3° ed il 4° quarto tenendo in piedi le sue; il p&r di Gaj Tripiano-Gandini/Patrignani si dimostra efficace, il problema sono i troppi tiri dalla media-lunga distanza costruiti anche dopo buone azioni, ma puntualmente sputati dal ferro.
BCC è più fredda e sbaglia meno nei momenti cruciali, capacità determinanti per il risultato finale, sicuramente severo per quanto visto in campo.
Le nero-arancio tirano fuori la miglior prestazione dell'anno e se pensiamo che gli aspetti su cui migliorare sono ancora molti, il futuro non può che sorriderci.
Pronte ora al nuovo impegno con VCO, con la voglia di confermare quanto di buono visto nell'ultima gara!

LEOPARDI, PRIDE!